Beni Culturali

 
Apr09

Colorimetria

Settori di intervento: Beni Culturali

Le analisi colorimetriche nel settore dei beni culturali

La Tecno.el, tra le diverse tecniche di analisi diagnostiche, di recente ha inserito la Colorimetria, mediante l’uso di uno strumento portatile, lo spettrofotocolorimetro, in modo da poter offrire in modo non-distruttivo informazioni utili e preliminari nell’ambito di una efficace e corretta campagna diagnostica su opere e reperti di interesse culturale.

L’uso delle analisi diagnostiche, come è ben noto, ha avuto e continua ad avere un ruolo fondamentale ed insostituibile nel settore dei beni culturali per raggiungere scopi diversi e complementari.

La colorimetria fornisce un'indicazione quantitativa del colore misurato, permette di rilevare differenze di colore, anche piccole, e di esprimerle sotto forma numerica. Può essere, quindi, utilizzata a diversi scopi:

- caratterizzazione superficiale dell’opera artistica,

- analisi delle variazioni del colore durante periodi espositivi,

-individuazione di fenomeni di degrado iniziali, prima che diventino macroscopicamente visibili,

- monitoraggio del colore durante gli interventi di restauro. Risulta molto utile, ad esempio, se associata alla pulitura di una superficie pittorica.

Le elaborazioni grafiche sintetizzano le variazioni delle principali grandezze colorimetriche analizzate in due o più misure successive (i tempi vengono valutati in base alla natura delle opere). Per ogni campione si può osservare cos’è accaduto considerando l’evento nel suo insieme. Nel dettaglio, attraverso due misurazioni successive si può determinare in che modo è variato il fattore di riflettanza spettrale.

Le indagini colorimetriche ci permettono, in sintesi, di caratterizzare la superficie dei reperti, ma anche di monitorarla nel tempo, individuandone i cambiamenti e l’eventuale instaurarsi di fenomeni di degrado. Tali informazioni consentono di intervenire tempestivamente per bloccare o rallentare i fenomeni di invecchiamento, dovuti a cause ambientali e antropiche. 

Per maggiori informazioni sulle modalità di svolgimento e relativi costi Vi invitiamo a contattarci al numero 06-9075534, oppure a scrivere all’indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 

Gen28

Analisi Biologiche per i Beni Culturali

Settori di intervento: Beni Culturali

Diagnostica biologica applicata al settore dei beni culturali

Nell'ottica di offrire un servizio il più possibile completo, la Tecno-el si arricchisce di una nuova serie di analisi specifiche per il biodeterioramento.

Elaborare un appropriato programma diagnostico per un bene o sito culturale, comporta un approccio multidisciplinare, indispensabile sia per affrontare, in modo adeguato, un intervento di restauro sia per redigere un efficace piano conservativo.

La Tecno-el propone un set di analisi biologiche che hanno lo scopo di individuare le cause biologiche del deterioramento dei beni culturali, correlandolo agli andamenti dei parametri microclimatici (monitoraggio microclimatico), in modo da indirizzare successivi interventi di risanamento/bonifica, specifici per ogni singolo contesto.

Le analisi biologiche offerte, sia di tipo qualitativo che di tipo quantitativo, sono:

- analisi colturali tradizionali, sia in liquido che in piastra, con l'impiego di diversi terreni di crescita in base al tipo di richiesta (analisi quali-quantitativa);

- identificazioni morfologiche degli organismi rintracciati (analisi semi-qualitativa);

- identificazioni molecolari (analisi qualitativa - permette di individuare, con estrema precisione, tutte le specie di microrganismi coinvolti);

-analisi della carica microbica, mediante misura dell'ATP (utile per una valutazione quantitativa dei microrganismi presenti e per una verifica pre e post-trattamento)

-analisi aerobiologiche.

La richiesta di analisi biologiche sarà eseguita con la massima professionalità e gestita  in tutte le fasi, dal campionamento fino all'interpretazione dei dati e proposte di soluzione.

Per maggiori informazioni sulle modalità di svolgimento e relativi costi Vi invitiamo a contattarci al numero 06-9075534, oppure a scrivere all’indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Dic09

Mappature termoigrometriche spaziali

Settori di intervento: Beni Culturali

Rilevamento e analisi dati di temperatura e umidità relativa su profilo orizzontale

Le mappature termoigrometriche su profilo spaziale consistono nell’acquisire i parametri secondo un grigliato di punti. Questi dati, opportunamente interpolati, permettono di visualizzare pozzi o sorgenti di calore e vapore. Tale informazione risulta cruciale nella valutazione degli effetti che i gradienti di temperatura e di umidità possono avere sulle opere esposte (museo, chiesa, biblioteca ecc.) oppure conservate in un archivio o deposito. La conoscenza della distribuzione termoigrometrica su profilo spaziale risulta importante anche prima di definire la collocazione di un’opera, eseguita a scopo preventivo consente di adottare la soluzione migliore. Si possono acquisire più profili nello stesso ambiente (ad esempio su due quote), in relazione agli obiettivi della campagna di misura.

Le mappature vengono eseguite mediante psicrometro veloce, strumento portatile di alto livello, brevettato a tale scopo dal Politecnico di Milano. Lo psicrometro veloce consente l’acquisizione di temperatura e umidità relativa in pochi secondi ma sempre in modo accurato.

La restituzione grafica avviene con mappe bi- e tri-dimensionali (2D e 3D) che permettono una visione intuitiva dei fenomeni in atto e consentono all’operatore a cui il lavoro è destinato (restauratore, conservatore o altro) di comprendere facilmente quali sono le zone più critiche nell’ambiente sotto indagine.

L’esecuzione di tale lavoro presenta diverse variabili, dalla tipologia di ambiente (dimensione, geometria ecc.), al numero di profili da acquisire e alla collocazione geografica, che possono incidere significativamente nell’elaborazione di un preventivo. Per maggiori informazioni sulle modalità di svolgimento e relativi costi Vi invitiamo a contattarci al numero 06-9075534, oppure a scrivere all’indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Feb05

Tessuto ai carboni attivi

Settori di intervento: Beni Culturali

Assorbimento inquinanti in vetrine e contenitori espositivi

Il tessuto a carbone attivo (ACC) consente di proteggere i manufatti da una varietà di sostanze inquinanti (NOx, H2S, VOC e altri). ACC è costituito al 100% da carbone attivo prodotto in forma di tessuto flessibile, utile per rivestive grandi superfici, come i pannelli posteriori delle vetrine.
Set18

Prodotti per la conservazione delle pellicole cinematografiche

Settori di intervento: Beni Culturali

Film can, Film cores e molto altro..

I film di archivio, siano essi positivi o negativi, sono per loro natura molto instabili, richiedono quindi condizioni ambientali precise e materiali neutri che non vadano a causare reazioni chimiche primarie o secondarie. Vi presentiamo il nostro catalogo con i prodotti per la conservazione e il restauro delle pellicole, contattateci senza impegno per ulteriori informazioni.
 
 
 
Ago01

Termoigrometro TE- HL-1D

Settori di intervento: Beni Culturali

Datalogger compatto, preciso ed economico

Il nuovo acquisitore TE-HL-1D per la misura della Temperatura e l’Umidità Relativa, è preciso e discreto. Per il monitoraggio microclimatico di musei, vetrine o contenitori per il trasporto delle opere.

Grazie alle dimensioni ridotte (90x60x23 mm) può essere facilmente installato in sale museali, teche espositive, casse per il trasporto ecc. Il pratico display consente la lettura in tempo reale del dato registrato e due comodi LED permettono di conoscere lo stato della batteria e il superamento delle soglie di allarme impostate.  

TE-HL-1D è adatto anche per le misure a lungo termine, la batteria può durare oltre 3 anni.

Mag31

Psicrometro veloce

Settori di intervento: Beni Culturali

PsycroNet 600

Lo psicrometro veloce consente di effettuare misure termoigrometriche di alta precisione in ambienti confinati e in tutti i casi in cui il tempo di risposta è un elemento determinante per la qualità della misura.

Il nuovo modello può essere utilizzato sia come un comune datalogger che nella modalità di gestione a distanza in Wi-Fi, utilizzando un tablet  Apple (Ipad, IPhone) su cui verrà installata l’ applicazione dedicata “PsicroNet”, disponibile su Apple Store.

Questa applicazione è stata pensata e sviluppata per rendere facile e veloce sia l’acquisizione del dato che il post-processing, per l’elaborazione immediata delle mappature spaziali mediante software dedicati.

Mag04

SALI ProSorb - ArtSorb - SilicaGel

Settori di intervento: Beni Culturali

Valutiamo la soluzione migliore per il condizionamento delle teche espositive

Proponiamo differenti tipi di sali, in relazione all’intervallo di umidità relativa che si desidera mantenere nella vetrina. Possiamo realizzare sacchetti con formati speciali per meglio rispondere alle specifiche esigenze di geometria delle teche espositive.
 
Contattateci, senza impegno, per valutare insieme come meglio rispettare le vostre esigenze di conservazione!
Per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare la sezione del sito dedicata al condizionamento passivo all'interno del menu "prodotti".
 
Mar24

Servizio di adeguamento delle teche espositive agli standard di conservazione

Settori di intervento: Beni Culturali

Verifica della tenuta, ottimizzazione della sigillatura, calcolo del coefficiente di scambio

Scopri come rendere più efficienti le tue vetrine e  come quantificarne il grado di scambio.
Ott09

Miniclima

Settori di intervento: Beni Culturali

Per il controllo attivo dei parametri ambientali all'interno delle teche

Presentiamo i nostri nuovi strumenti e servizi per il monitoraggio e gestione delle condizioni di conservazione negli spazi espositivi confinati.

Rimani in contatto con noi